Gonadotropina: l’efficacia di combinazioni differenti nel supporto all’induzione dell’ovulazione

Nell’articolo scientifico dal titolo Efficacia di diverse combinazioni di gonadotropine per supportare l’induzione dell’ovulazione nell’infertilità dell’ovulazione di tipo I WHO: evidenze cliniche di FSH ricombinante umano / LH ricombinante umano in un rapporto 2: 1 e protocolli di stimolazione della gonadotropina umana altamente purificata, pubblicato su Journal of Endocrinological Investigation (December 2012, Volume 35, Issue 11, pp 996–1002) a firma di D. Carone, Carlo Caropreso (Centro Ricerche Cliniche LNAge S.r.l. Roma, Italia) A. Vitti e R pop over here. Chiappetta (DOI: 10.3275/8657) è indagata la anovulazione che la World Helath Organization (WHO) classifica come di tipo I o ipogonadismo ipogonadotropo (HH), caratterizzata da una ridotta attività ipotalamica e ipofisaria che si traduce in livelli sierici di FSH e LH anormalmente bassi e da una trascurabile attività estrogenica.
Lo studio clinico condotto si poneva l’obiettivo di confrontare l’efficacia di FSH ricombinante umano (r-hFSH) più LH ricombinante umano (r-hLH) in un rapporto 2:1 con estratto urinario altamente purificato di gonadotropina umana (hMG-HP) della menopausa, contenente attività simile a LH, nelle donne con HH.

Soggetti e metodi dello studio sull’efficacia di differenti combinazioni di gonadotropina nel supporto all’induzione dell’ovulazione

Questo studio randomizzato a due bracci di trattamento ha incluso 35 donne HH (di età compresa tra 25 e 36 anni). Diciotto pazienti hanno ricevuto 150 UI di hMG-HP (150 UI di FSH + 150 UI di attività simil-LH) e diciassette hanno ricevuto 150 UI r-hFSH / 75IU r-hLH al giorno per un massimo di 16 giorni. L’ovulazione è stata indotta da una singola somministrazione di hCG il giorno dopo l’ultimo hMG-HP o r-hFSH/r-hLH.
Lo studio clinico ha portato ai seguenti risultati: l’endpoint primario di efficacia era l’induzione dell’ovulazione misurata dal follicolo ≥17 mm, dall’estradiolo pre-ovulatorio (E2) ≥400 pmol/l e dal progesterone della fase luteo-media (P4) ≥ 25 nmol/l.
Gli endpoint secondari di efficacia comprendevano i livelli di E2/follicolo a metà ciclo, il numero di follicoli a metà ciclo e il tasso di gravidanza (PR). Dopo un totale di 70 cicli, il 70% dei pazienti trattati con r-hFSH / r-hLH ha raggiunto l’endpoint primario contro l’88% nel gruppo hMG-HP (p = 0,11). Tuttavia, il PR nel gruppo r-hFSH / r-hLH era del 55,6% rispetto al 23,3% nel gruppo hMG-HP (p = 0,01).

Conclusioni dello studio clinico sull’efficacia delle differenti combinazioni di gonadotropina sull’induzione dell’ovulazione

Il risultato dell’endpoint primario non era correlato al PR. Questo studio ha dimostrato la superiorità di LH rispetto a hCG nel sostenere lo sviluppo follicolare indotto da FSH nelle donne HH.

Consulta la versione integrale dell’articolo in lingua inglese la versione integrale dell’articolo in lingua inglese sul sito di Springer International Publishing.

Gonadotropina: l’efficacia di combinazioni differenti nel supporto all’induzione dell’ovulazione ultima modifica: 2018-06-01T05:04:27+01:00 da Carlo Caropreso
In breve
Gonadotropina: l'efficacia di combinazioni differenti nel supporto all'induzione dell'ovulazione
Titolo
Gonadotropina: l'efficacia di combinazioni differenti nel supporto all'induzione dell'ovulazione
Riepilogo
Combinazioni diverse di gonadotropina si sono rivelate efficaci nel supporto dell'induzione dell'ovulazione in casi di infertilità dell'ovulazione di tipo I WHO, conosciuta anche come ipogonadismo ipogonadotropo e caratterizzata da una ridotta attività ipotalamica o ipofisaria, manifestata da bassi livelli serici di FSH e LH.
Autore
Azienda
LNAGE
Logo dell'azienda

Leave a Reply