Pazienti con emicrania che reagiscono alla terapia all’ozono: un report di alcuni casi clinici

Nell’articolo Case report on patients with migraine responding to ozone therapy (doi = 10.4172/2167-0846.1000252) pubblicato su Journal of Pain & Relief (03 Giugno 2016) a firma di Dario Apuzzo (Centro di Recupero e Rieducazione Funzionale Salute OK, Roma, Italia) e Paolo Ferrazza (Centro Ricerche Cliniche LNage S.r.l, Roma, Italia) gli autori illustrano due casi di pazienti affetti da emicrania, trattati con terapia all’ozono.

L’emicrania è un disturbo procedurale o episodico caratterizzato da cefalea ricorrente, da moderata a grave, spesso associata a una serie di sintomi del sistema nervoso autonomo. Circa il 14% della popolazione soffre di questa patologia con un’incidenza di picco tra 25 e 55 anni. Inoltre, il mal di testa è molto comune nei bambini e negli adolescenti, in particolare tra gli adolescenti la cui prevalenza è stimata intorno all’8-23%.
I due casi clinici illustrati nel report riguardano episodi di emicrania ricorrenti, in soggetti diversi per sesso ed età, che mostrano l’efficacia della terapia ossigeno-ozono, anche utilizzando due diverse modalità di somministrazione dell’ozono. In entrambi i casi è stata osservata una drastica riduzione della frequenza e dell’intensità del dolore con conseguente riduzione della disabilità e un miglioramento di alcuni aspetti della qualità della vita correlati alla salute.
Il report giunge alle seguenti conclusioni: per stabilire l’efficacia e la tollerabilità dell’ozono terapia nel disturbo della cefalea è richiesto un numero maggiore di pazienti. Per ozono-terapia si intende un trattamento con farmaci anti-infiammatori, spesso anche tossici e con effetti avversi.

Che cos’è l’emicrania

L’emicrania è una malattia neurologica cronica o episodica caratterizzata da cefalea ricorrente, da moderata a grave, spesso associata a una serie di sintomi del sistema nervoso autonomo. Circa il 14% della popolazione soffre di questa patologia e fino al 18% delle donne e il 6% degli uomini, con un’incidenza di picco tra 25 e 55 anni.
L’emicrania è divisa in due forme: emicrania senza aura, che rappresenta circa il 70-80% degli attacchi e emicrania con aura, che rappresenta circa il 20-30% degli attacchi. Il dolore è prevalentemente unilaterale, sebbene possa verificarsi anche a livello bilaterale, moderato o grave, peggiora con il movimento ed è associato a nausea e/o vomito, disturbo della luce (fotofobia), disturbo del suono (fonofobia) e, in alcuni casi, un disturbo degli odori (osmofobia). Infine, devono essere escluse altre cause di mal di testa.
Normalmente il paziente necessita di riposo a letto, in ambiente buio e silenzioso; gli attacchi possono durare tra le 4 e le 72 ore. Spesso è richiesto un trattamento farmacologico incisivo, essendo gli attacchi di emicrania frequentemente associati a caratteristiche gravi e invalidanti.
La risposta al trattamento farmacologico del disturbo nella sua forma acuta è simile in casi di emicrania episodica (da 0 a 14 giorni di emicrania al mese) e di emicrania cronica (15 o più mal di testa al mese); ci sono tuttavia delle evidenti differenze determinate dalla frequenza di utilizzo, dalla risposta ai farmaci e dalla soddisfazione generale. Entrambe le popolazioni di pazienti sono sottoposte a terapie acute (ad es. Analgesici) o ad agenti specifici per l’emicrania con proprietà vasocostrittive.

La gestione di questo disturbo è più complicata nei bambini: sebbene relativamente poco frequenti, gli attacchi di emicrania possono necessitare di un trattamento quotidiano, soprattutto se impauriscono e preoccupano per il bambino, o rischia di provocare studi di imaging ripetuti e non necessari, come nel caso dell’emicrania emiplegica. Il mal di testa è il disturbo somatico più comune nei bambini e negli adolescenti. La prevalenza è del 3% nei bambini di 3-7 anni, del 4% -11% nei 7-11 anni e dell’8% -23% degli adolescenti.

L’emicrania (non attribuibile a nessun altro disturbo) è la causa più importante di mal di testa in questa fascia di età, anche se occorre prendere in considerazione anche i casi di emicrania secondaria (sintomo di anomalie identificabili, strutturali, metaboliche o di altro tipo) e anche le cause insolite di mal di testa.

La terapia all’ozono per il trattamento dei casi di emicrania

Report casi clinici trattamento ozono Emicrania

L’ozono è una forma di ossigeno allotropico, nota soprattutto per le sue proprietà ecologiche, per le sue applicazioni in sedi industriali e per i suoi effetti curativi. Sono stati proposti diversi meccanismi di azione per spiegare l’efficacia dell’ozono-terapia, compresa l’azione analgesica, antinfiammatoria e ossidante sui proteoglicani.

La versatilità dell’applicazione dell’ozono è impressionante perché, se correttamente utilizzato, può contribuire al trattamento di molte malattie vascolari e, sorprendentemente, anche in ortopedia e odontoiatria.

Questo report dà conto di due casi di emicrania molto migliorata, per effetto della terapia ossigeno-ozono, applicata mediante due diverse modalità di somministrazione dell’ozono.
Nella letteratura scientifica non sono presenti altri studi ed articoli scientifici che descrivono le modalità di utilizzo dell’ozono terapia per il trattamento dell’emicrania, pertanto i risultati di questo case report suggeriscono di approfondire le potenzialità di tale alternativa terapeutica attraverso studi ad hoc che ne misurino l’efficacia in modo oggettivo su una popolazione rappresentativa.

Consulta e scarica la versione integrale dell’articolo in lingua inglese (in formato pdf)

Pazienti con emicrania che reagiscono alla terapia all’ozono: un report di alcuni casi clinici ultima modifica: 2018-06-18T05:04:14+01:00 da Paolo Ferrazza
In breve
Pazienti con emicrania che reagiscono alla terapia all'ozono: un report di alcuni casi clinici
Titolo
Pazienti con emicrania che reagiscono alla terapia all'ozono: un report di alcuni casi clinici
Riepilogo
L'articolo dà conto di alcuni casi clinici relativi a pazienti affetti da emicrania e alle loro reazioni alla terapia all'ozono: dopo un esaustivo chiarimento sull'emicrania, come patologia, e sulle sue differenti varianti, sono considerati gli effetti della terapia all'ozono e le sue modalità di applicazione.
Autore
Azienda
LNAge
Logo dell'azienda

Leave a Reply